Apple Watch in Italia dal 26 giugno

apple-watch

Il momento è arrivato: da venerdì 26 giugno 2015 sarà finalmente possibile ordinare lo smartwatch targato Apple. Il dispositivo sarà disponibile da questa data nel nostro Paese, in Spagna, Singapore, Messico, Corea del Sud, Svizzera e Taiwan sull’Apple store online, negli store Apple e presso i rivenditori autorizzati Apple.

Alcuni Apple Retail Store mondiali avranno a disposizione Apple Watch già dal primo giorno della seconda tornata di vendita: in Italia sarà possibile ammirare una selezione sarà in mostra presso il 10 Corso Como di Milano. Dopo averlo acquistato, il personale si occuperà del setup iniziale, sia online che in negozio, per permettere all’utente di usare subito il device e gestirlo al meglio in relazione alle sue necessità.

Le vendite dell’Apple Watch negli USA

L’avveniristico orologio, in patria, è già un successo consolidato. Così ha dichiarato Jeff Williams, Senior Vice President Operations di Apple commentando la crescente domanda:
“La risposta degli utenti all’Apple Watch ha superato le nostre aspettative in tutti i sensi e siamo lieti di poterlo offrire ad un numero ancora maggiore di clienti nel mondo. Stiamo inoltre compiendo eccellenti progressi con gli ordini Apple Watch già ricevuti e ringraziamo i nostri clienti per la pazienza. Tutti gli ordini inoltrati nel mese di maggio, fatta eccezione unicamente per il modello con cassa in acciaio inossidabile nero siderale da 42 mm con bracciale a maglie nero siderale, saranno spediti entro due settimane. E sempre fra due settimane inizieremo a vendere alcuni modelli nei nostri Apple Store.”

Le vendite del device procedono a circa 30.000 esemplari venduti ogni giorno negli States. Questo emerge da una recente analisi, nonostante i rallentamenti del primo mese.

A diffondere gli interessanti dati è la società Slice Intelligence: nelle prime 5 settimane di vendita, Apple Watch avrebbe totalizzato la cifra di 2,5 milioni di ordini complessivi, pari all’incirca a 30.000 acquisti al giorno. L’informazione sarebbe stata ricavata da oltre 14.000 acquirenti online, già registrati ai servizi Slice.